EntraUsernamePassword
Connessione automatica ad ogni visita    
Registrati
Registrati
Linea diretta col dott. De Grandis
Neurologo risponde
Sostienici
Sostegno
Indice del forum » Consulenza neurologica Sclerosi Multipla

Nuovo argomento      Quest'argomento è chiuso: Non puoi inserire, rispondere o modificare i messaggi.
Dimensione testo Testo: AAA · AAA · AAA · AAA · |==| |====|

Parestesie permanenti
Autore Messaggio
Green




Messaggi: 3
MessaggioInviato: Sab Set 10, 2011    Oggetto: Parestesie permanenti Rispondi citando

Gentile Dott. De Grandis,

le scrivo per raccontarle ad avere parere in relazione a dei sintomi che mi trascio da un mese e mezzo.

Agli inizi di agosto ho iniziato ad avvertire dei formicolii alle punte delle dita di entrambe le mani. Non gli ho dato peso perchè pensavo dipendesse dalla posizione. Il giorno seguente però persistevano e diventavano più intense, passando poi alla gamba destra e il successivo giorno alla sinistra. In breve tempo si sono estese ai quattro arti.

Di notte le parestesie aumentavano di intensità e colpivano il lato sinistro della schiena ed il viso. Qui la sensazione non di formicolio ma di addormentamento, sentivo la pelle tirata e schiacchiata, specie in viso. Nei giorni successivi queste manifestazioni sono persistite soprattutto al lato sinistro, mentre al viso e alla schiena sono sparite.

All'8 del mese ho fatto una visita ortopedica, che ha rilevato tutto nella norma e un pronto soccorso. Mi sono state fatte le analisi di routine e un elettrocardiogramma dal quale è risultato tutto nella norma. Ho avuto anche una consulenza psichiatrica poichè ero fortemente preoccupato. Mi è stato prescritto xanax al bisogno che non ho preso. Il medico del Protno soccorso non ha rilevato nulla ma mi ha consigliato una visita neurologica. L'indomani presso la Usl ho effettuato la visita neurologica spiegando i miei sintomi persistenti. Il risultato della visita è stato negativo, tutto nella norma. Il giorno seguente i sintomi si riducono ai soli arti di sinistra, l'indomani ancora solo a mani e piedi, il terzo giorno spariscono.

Sto bene per una decina di giorni poi improvvisamente i sintomi tornano con formicolio al piede e alla mano sinistra, sensazioni di bruciore intenso alternati a estrema sensibilità all'avambraccio e all'altezza della tibia. Pian piano gli stessi sintomi passano anche al lato destro restando confinati a mani e piedi. Allo stesso tempo avverto dolore sopra entrambi i glutei e tornano le parestesie al volto lato sinistro e schiena. Ora continuo a distanza di tempo ad avere le parestesie agli arti, shiena e volto, che si acuiscono anche di notte ma soprattutto ho la percezione di non avere un buon afflusso di sangue alle mani, se le alzo talvolta anche solo per prendere un libro dallo scaffale mi diventano immediatamente bianche, soprattutto la sinistra. Persino quando corro la sera, momento in cui l'irrorazione delle mani dovrebbe essere massima, sento l'insufficienza di sangue. Al termine della corsa ho un fortissimo bruciore sotto la pianta del piede. Negli ultimi giorni le parestesie a mani e piedi hanno preso la forma di pizzicori e punture di spilli. Ho eseguito una seconda visita neurologica presso altro medico e non ha rilevato squilibri, solo una atrofia del muscolo vasto laterale gamba destra di cui mi ero accorto da tre anni ui però non davo peso attribuendo la causa ad una dismetria dll'arto destro rispetto all'altro. Da foto passate risulta però il muscolo essere presente. Contestualmente in quella zona ho una riduzione lieve dei riflessi. Non c'è riduzione di forza, anche se mi sento tirare la zona addominale destra, percepisco come una corda tirata verso l'anca ed ho tensioni sulla zona destra della schiena ben definite in punti precisi. Mi è stato prescritto neurofen per due mesi e null'altro esame ma la mia preoccupazione è alta poichè continuo a percepire parestesie notturne soprattutto e questa perdita di vascolarizzazione che mi causano non poca preoccupazione, tant'è che sono ricorso all'aiuto di uno psicoterapeuta.

Dottore le chiedo se secondo lei sarebbe stato opportuno fare ulteriori indagini al fine di valutare questi come sintomi di Sm o altre malattie. Non ho in famiglia casi di malattie neurologiche ne ho sofferto di malattie particolari.

La ringrazio molto
Top
Profilo Invia messaggio privato Segnala messaggio indesiderato
DeGrandis
Neurologo
Neurologo



Messaggi: 5371
MessaggioInviato: Sab Set 10, 2011    Oggetto: Rispondi citando

Escludo la SM. darei una occhiata con un EMG per valutare la causa della ipotrofia del muscolo ed inoltre è opportuno controllare le conduzioni dei nervi periferici.
Un saluto
Domenico De Grandis
Top
Profilo Invia messaggio privato Segnala messaggio indesiderato
Mostra prima i messaggi di:   
Pagina 1 di 1
 

RISPOSTA VELOCE


 Inserimento non attivo. L'argomento è bloccato oppure non sei identificato.

Nuovo argomento   Quest'argomento è chiuso: Non puoi inserire, rispondere o modificare i messaggi.






Home PageEntra